Biogas in Czech Republic

ElectraTherm si associa a GB Consulting e EnviTec Biogas nella prima applicazione del suo genere nel campo dei biogas

Applicazione Biogas/ORC su un motore GE Jenbacher 412
Sito: Straznice, Repubblica Ceca
Potenza del motore: 844 Kwe
Potenza media lorda in uscita dalla Power+ Generator: 30-40 kWe
Potenza termica in ingresso alla Power+ Generator: ~ 500kW
Acqua calda in entrata: 94 °C
Portata di acqua calda: 12 l/s
Temperatura dell’acqua nel radiatore a circolazione di liquido: da -7 a 40 °C

Nella Repubblica Ceca, ElectraTherm, il distributore GB Consulting e il costruttore di impianti a biogas EnviTec Biogas hanno messo in esercizio una Power+ Generator ElectraTherm in un impianto a biogas per generare ulteriore potenza e aumentare l’efficienza energetica in loco.  La Power+ utilizza la tecnologia a ciclo Rankine organico (ORC) per generare energia senza l’impiego di combustibile e senza emissioni. Fino ad oggi la macchina ha mantenuto oltre il 97% di tempo di esercizio.

La Power+ è stata aggiunta a un impianto di produzione di energia a biogas esistente dotato di generatore GE Jenbacher 412 con motore a combustione interna da 844 kWe. Il motore è dotato di uno scambiatore di calore dei gas di scarico ed è configurato per ottenere una maggiore temperatura dell’acqua di raffreddamento, la quale fornisce un flusso termico combinato di acqua di raffreddamento e calore dei gas di scarico di 95 °C. La Power+ è il primo carico termico su questo circuito ad acqua calda e genera fino a 40 kWe. Dopo che la Power+ ha asportato il calore dal circuito di acqua calda, il digestore anaerobico rimuove il calore, seguito poi dal teleriscaldamento per numerosi edifici. Il calore in eccesso non utilizzato dalla Power+, dai digestori anaerobici o dagli edifici viene rimosso dal radiatore di raffreddamento del motore.

La tecnologia a ciclo Rankine organico (ORC) brevettata da ElectraTherm inizia con l’ingresso dell’acqua calda nella Power+ a 94 °C, dove riscalda un fluido di lavoro e lo trasforma in un vapore in pressione. Il vapore ad alta pressione si espande in un’unità di potenza a viti accoppiate brevettata da ElectraTherm, che mette in rotazione un generatore elettrico. Dopo aver messo in rotazione l’espansore, il vapore viene fatto condensare e viene liquefatto grazie a un radiatore a liquido e a circuito chiuso, mentre una certa quantità di calore viene utilizzata anche per il teleriscaldamento delle vicinanze.

L’installazione di questa Power+ è la prima del suo genere nella quale la Power+ è collegata al primo anello termico, in modo da mettere a disposizione della Power+ calore disperso a temperatura più elevata, aumentare la potenza generata e al contempo mantenere un corretto apporto di calore per i digestori anaerobici. L’aggiunta della macchina riduce l’energia elettrica necessaria nel sito per dissipare il calore in eccesso attraverso le ventole del radiatore aumentando così il rendimento dell’impianto fino all’8%. Di conseguenza, la Power+ migliora l’efficienza economica del sito producendo elettricità e riducendo la richiesta di energia.